Questo è l’audio di un filmato registrato la notte del 16 maggio 2023. Non è un montaggio, non sono stati aggiunti effetti sonori o altro. Questo è l’audio di una notte che in tanti non potranno più dimenticare.

E questo è l’audio di una notte che anche chi ora vi racconta questa storia non potrà più dimenticare, perché ci sono volte in cui sei solo un testimone ed altre dove la storia è quella della tua terra, della tua famiglia quando quella notte che nessuno avrebbe mai immaginato riguarda anche te.

16 maggio 2023 – Accade l’impensabile: i principali corsi d’acqua dell’Emilia-Romagna, oltre 20 fiumi, esondano causando una delle più gravi alluvioni sul territorio nazionale. 450 eventi climatici estremi nel nostro Paese in poco più di 24 mesi, danni per oltre 100 miliardi di euro e 22.000 vittime negli ultimi decenni. Che cosa sta succedendo?

Un’inchiesta su un disastro climatico, le sue cause, i suoi protagonisti per comprendere il presente di un clima che cambia e costruire un futuro che se vogliamo potrà essere migliore. Io sono Marco Cortesi e questo è “Fango – Storia di un’alluvione”.

Questa è una storia che parla di persone, ma ancora prima questa è una storia che parla di numeri, perché per comprendere che cosa è avvenuto in Emilia Romagna, per capire perché dicono che quello che è successo non era mai successo prima, per vivere davvero le storie che ascolterete, dobbiamo andare in cerca di numeri. 

Senza i numeri, senza quei numeri, questa storia non si capisce, non fino in fondo.

Immaginatevi allora al mio fianco mentre camminiamo lungo una strada di montagna, nel cuore dell’Appennino Romagnolo. È una strada ampia, ben curata… dopo una curva la strada si trasforma in una galleria scavata nella roccia… l’aria si fa improvvisamente fredda mentre procedete nel cuore del monte, ma è quando uscite sull’altro lato, che il respiro vi si ferma in gola… 

Davanti a voi sta l’arco di una gigantesca diga, una delle più grandi d’Europa… ma vi hanno detto che non dovete fermarvi lì, dovete avanzare su quell’enorme parete in cemento armato lunga 432 metri… dovete raggiungere il punto centrale, quello più alto e guardare giù: non sul lato dove c’è l’acqua, ma sull’altro dove c’è il vuoto.

La vista toglie il fiato… ed è meglio che non soffriate di vertigini perché sotto di voi sta un salto di 103 metri in perfetta verticale… gli spazi sono così ampi che l’occhio non riesce a stimare correttamente distanze e proporzioni… è tutto enorme in questa diga, tra le più imponenti sul territorio italiano, chiamata Diga di Ridracoli. 

Ora però affacciatevi sull’altro lato: niente vertigini per fortuna questa volta perché davanti a voi si stende un meraviglioso lago azzurro del quale non si riesce a vedere la fine, lungo quasi tre chilometri e mezzo e profondo 92 metri. L’acqua brilla mossa dal vento, le pareti delle montagne sono ricoperte di boschi che fanno da cornice a questa straordinaria cartolina.

Quanta acqua è contenuta in questa diga? Gli esperti parlano di circa 33 milioni di metri cubi d’acqua… se fossero bottiglie da un litro e mezzo, di quelle che compri al supermercato, sarebbero 22 miliardi di bottiglie. Riuscite ad immaginarvelo?

Ora tenete a mente l’immagine della diga, ricordatevi questa cifra esorbitante, ma adesso togliete il sole, i boschi e l’acqua che brilla mossa dal vento. 

Ora è notte e piove. Da ore il cellulare vibra mentre giungono notifiche, messaggi ed anche su quella chat dove si dicono sempre un mare di cazzate, avvertite che pure i vostri amici cominciano ad essere in ansia. Dal mattino piove… ed è assurdo perché solo il giorno prima il cielo era di un azzurro che sembrava dipinto. Sui giornali, in tv, sui social dicono di tornare a casa e di salire ai piani superiori… ai piani superiori? Per quale motivo?

Parlano della Protezione Civile che si sta muovendo da mezza Italia, dell’esercito che si sta mobilitando… ma voi vi affacciate alla finestra e quella che vedete è la vostra strada nella vostra città e la pioggia di una sera di maggio simile alla pioggia di mille sere identiche a questa…

Nelle ore successive moriranno 17 persone, 36.000 perderanno per sempre la propria casa, il proprio lavoro, una regione sarà messa in ginocchio con un conteggio di danni che supera i 9 miliardi di euro. 544 strade saranno cancellate per sempre dalle cartine, 260.000 animali perderanno la vita, 100 città verranno coinvolte, 105 scuole devastate, 2300 frane registrate…

Come è stato possibile qualcosa del genere?

Durante l’alluvione del maggio 2023 cadranno sull’Emilia-Romagna 4,5 miliardi di metri cubi d’acqua… ricordate il lago con la superficie che brilla e voi in cima alla diga? Immaginate di prendere quel lago, girarlo a testa in giù e riversare tutta quell’acqua… ma una sola diga non basterebbe. Durante l’alluvione cadrà l’acqua contenuta non in una ma in 128 dighe di Ridracoli messe insieme provocando l’esondazione in contemporanea di 24 fiumi. Mai una cosa del genere era stata documentata nella storia del nostro Paese.

Adesso conoscete i numeri, alcuni di essi… ed ora potete comprendere le storie. Ascolterete le voci dei testimoni e l’audio inedito dei filmati originali. 

Ci piacerebbe dirvi che questo è il racconto di un evento fuori dall’ordinario… ma la verità è un’altra: cambiate i nomi dei luoghi, modificate le date e troverete storie simili in Toscana, Marche, Veneto, Lombardia, Piemonte, Lazio, Sicilia, Liguria… Oltre 450 eventi climatici estremi sul territorio nazionale in poco più di due anni, un aumento esponenziale del 135%, oltre 22000 vittime nel nostro Paese in poco più di quarant’anni. Aumenta la frequenza, la violenza, la distruttività.

Vi condurremo in un’inchiesta su uno dei più gravi disastri climatici degli ultimi anni. 

Cercheremo di comprendere insieme la realtà di un clima che cambia e grazie alle testimonianze dirette dei protagonisti entreremo nel vivo di alcune delle storie più travolgenti di un evento della nostra Storia che non possiamo dimenticare.

Fango – Storia di una Alluvione | Scritto e narrato da Marco Cortesi e Mara Moschini
Una produzione Ass. Moka © Tutti i diritti riservati
Distribuito da VOIS – Podcast Creator Compay

Ascolta ora

Fango - Storia di una Alluvione