Da “Il Resto del Carlino”:

Marco Cortesi e Mara Moschini sono, come loro stessi si definiscono, “due attori, registi e viaggiatori”. Quando Forlì e la Romagna vengono colpite dall’alluvione, sono fuori per uno spettacolo teatrale. “Ma ci siamo precipitati a rientrare appena abbiamo appreso la notizia, Forlì è ormai la nostra città d’adozione e volevamo fare qualcosa per dare una mano – precisa Moschini –. Al nostro arrivo, ci siamo resi conto subito che era accaduto l’impensabile: una catastrofe enorme, non c’erano parole per descriverla. Così, abbiamo imbracciato la macchina da presa e cominciato a registrare tutto ciò che vedevamo”.

Dopo due settimane di riprese, Moschini e Cortesi decidono che video e immagini non bastano più: l’urgenza, ora, è ascoltare le storie. Storie di persone comuni, di imprenditori che hanno visto le loro aziende devastate, delle forze dell’ordine che si sono adoperate con ogni mezzo per salvare, soccorrere…”

Vi invitiamo a leggere l’articolo integrale sul sito de “Il Resto del Carlino”

Articolo a cura di Maddalena De Franchis